Salvia: come coltivarla in casa e come usarla al meglio

Una pratica molto sfruttata è quella della moltiplicazione per talea, ovvero un frammento della pianta in grado di rigenerarsi e dar vita a una nuovo vegetale, dalle caratteristiche genetiche identiche rispetto all’originario. Nel mese di settembre si prelevano gli apici vegetativi – circa 8-10 centimetri – delle piante più vecchie, per immergerli poi in polvere rizogena: disponibile nei vivai, stimola la rigenerazione delle radici. Si piantano quindi gli steli in un vaso, meglio se protetto dalle intemperie, e si trasferisce nel terreno di destinazione non appena saranno evidenti i primi germogli.

 

greenstyle