L’aglio germogliato fa bene: non gettatelo

 Ci protegge dall’arteriosclerosi e da alcuni tipi di cancro
L’aglio germogliato da cinque giorni aumenta il suo potere di eliminare i radicali liberi, grazie alla presenza degli enzimi DPPH e ORAC. Questo si traduce in una maggiore azione protettiva contro l’indurimento delle arterie e contro l’attacco di cellule tumorali che possono causare il cancro al colon, della pelle e del seno.

I ricercatori che hanno condotto questo studio affermano che l’estratto dei germogli dell’aglio protegge l’organismo dai danni neuronali e dal rischio di ictus.

Per sfruttare al massimo i benefici dell’aglio germogliato, tenete conto di alcuni aspetti:

  • Non comprate l’aglio germogliato al supermercato. È probabile che lo sia diventato in condizioni non ottimali. Il miglior modo per assicurarsi che i germogli siano in buono stato è toccarli. Se sono avvizziti, leggeri o sottili, lasciateli perdere; se sono freschi e hanno un buon odore, potete prenderli. Ad ogni modo, saranno sempre più sani gli spicchi germogliati a casa vostra.
  • Per consumarli, sarà sufficiente pelarli e tagliarli a metà, nel senso della lunghezza. Vedrete la base del germoglio al centro dello spicchio. Deve avere un bel colore verde, fresco e appetitoso. Se il germoglio ha assunto un colore marrone o scuro, gettatelo via.
  • L’aglio germogliato ha un sapore leggermente più forte: al momento di usarlo in cucina, ricordate che sarà necessaria una minore quantità. Se vi piace il sapore dell’aglio crudo, potete tagliarlo a strisce e aggiungerlo alle vostre insalate.
  • In conclusione, è bene sapere che gli alimenti germogliati contengono sostanze salutari: è la fase di crescita della pianta e durante questo processo essa immagazzina maggiori quantità di vitamine e proteine, aumentando il suo potere rigenerativo e rivitalizzante.

    Oltre all’aglio, provate ad assumere altre piante germogliate, come le cipolle, i ceci, il finocchio, i ravanelli, la rucola, l’erba medica… Tesori della natura che non devono mancare nella nostra dieta.

 

VIVERE PIU’ SANI