Otranto, sigilli al cantiere del Twiga: Briatore divorzia dai soci pugliesi, sospese le assunzioni

Otranto, sigilli al cantiere del Twiga di Briatore: “Abusi edilizi in area sottoposta a vincolo”

OTRANTO – Partenza in salita per il Twiga, la celebre catena di locali di lusso legata al patron Flavio Briatore con sedi in Versilia, Montecarlo e Dubai che a giugno dovrebbe aprire anche a Otranto.

Dopo l’apertura dell’inchiesta da parte della Procura di Lecce, arriva il sequestro. Questa mattina, i carabinieri della sezione di polizia giudiziaria del Tribunale di Lecce, in collaborazione con la polizia provinciale, hanno proceduto al sequestro del cantiere dove sono in corso i lavori di realizzazione dello stabilimento balneare.

Il personale intervenuto, su disposizione del sostituto procuratore Antonio Negro, ha provveduto, contestualmente al sequestro, a consegnare l’informazione di garanzia all’imprenditore che sta realizzando l’opera e all’ingegnere progettista responsabile dei lavori, in relazione alle violazioni in materia di “abusi edilizi in zona soggetta a vincolo paesaggistico e abusiva occupazione del demanio marittimo”, apponendo i sigilli all’intera area.

L’attività’ investigativa svolta sinora ha consentito di accertare consistenti interventi di sbancamento e spianamento del terreno, lavori edili e modifiche allo stato dei luoghi in chiara violazione della normativa e in difformità con le opere per le quali il comune di Otranto ha rilasciato la relativa autorizzazione.

today