Ubriaco investì e uccise un poliziotto impegnato in un servizio di scorta: la pena è ‘lieve’

Un generoso poliziotto, padre di tre figli di cui due minorenni che all’epoca avevano 5 e 11 anni, viene ucciso da un etilista di fatto cronico e la giustizia salda il conto con una pena irrisoria e irridente.

Per questo oggi sentiamo innanzi tutto il dovere di chiedere scusa a Pierluigi e alla sua famiglia. E’ anche per incidenti come questo, che dimostrano la cifra dell’ingiustizia stradale, che ci siamo fatti promotori con le associazioni Lorenzo Guarnieri e Gabriele Borgogni della raccolta delle firme per l’Omicidio stradale che proprio il 25 marzo scoro è diventata finalmente legge. Troppo tardi per renderti giustizia Pierluigi come per tanti, tanti altri.
Con mortificato affetto.

Giordano Biserni – ASAPS