La mamma mette un guanto sul bambino appena nato – il giorno dopo, l’infermiera scopre l’impensabile

La mamma mette un guanto sul bambino appena nato – il giorno dopo, l’infermiera scopre l’impensabile

Nel 2001 Yamile Jackson ha dato alla luce Zachary. Il bambino è nato con 12 settimane di anticipo.

A causa di alcune complicazioni, Zachary è nato prematuro di tre mesi. Pensava meno di un chilo e ha dovuto trascorrere 155 giorni in terapia intensiva neonatale. Yamilie gli è rimasta accanto ogni singolo giorno, anche se detestava doverlo lasciare la notte.

Yamile, che di professione fa il medico, voleva far sentire al bambino la sua presenza, anche quando lei non c’era.

A casa, mentre stava lavando i piatti, ha avuto un’idea brillante.

Il giorno successivo ha preso un paio di guanti molto morbidi e li ha riempiti di semi di lino, poi li ha portati nel reparto di terapia intensiva neonatale. Yamili ha indossato i guanti tutto il giorno e, prima di andarsene, li ha adagiati dolcemente accanto al piccolo.

I guanti erano intrisi dell’odore della sua pelle. In questo modo, il suo bambino poteva avvertire la sua presenza anche di notte.