Condizionatori, ecco la tassa: ora occorre pagare il bollino

La società, da questo punto di vista, sta cercando di mettere in piedi un vero e proprio “catasto” dei condizionatori: in questi mesi in cui si attendono gli ultimi chiarimenti sulla nuova tassa si invieranno lettere a domicilio. Grazie alle risposte degliutenti si capirà quanti impianti sono presenti. Da lì si inizierà con i controlli a campione. Che comunque, fanno sapere dalla Sevas, non partiranno prima del marzo del 2018 (leggi box). C’è tempo, insomma, per mettersi in regola. O per installare un climatizzatore senza temere la stangata.

il tirreno