In casa con il padre morto per 5 mesi: il dramma a Genova

Nascondeva una tragedia il gesto estremo dell’uomo di 50 anni che nel pomeriggio di sabato si è barricato in casa impedendo ai soccorritori di entrare dando in escandescenze e minacciando di farla finita: all’interno dell’abitazione il 50enne nascondeva il cadavere mummificato del padre di 88 anni, morto ormai da tempo.

Il corpo è stato scoperto in serata, quando i Vigili del fuoco e i carabinieri sono riusciti infine a entrare nell’appartamento di via Cornigliano in cui l’uomo viveva col padre: stando alle prime stime del medico legale, l’anziano era morto da almeno 5 mesi, e il suo corpo era stato costantemente spruzzato di alcol e deodorante per impedire che l’odore potesse insospettire i vicini.

Proprio i vicini hanno dato l’allarme nel pomeriggio di sabato, dopo avere sentito urla e rumori provenire dall’appartamento di padre e figlio: «Da tempo ormai non lo vediamo più nel palazzo», hanno raccontato riferendosi all’anziano.