“Quel neonato abbandonato e lasciato morire è mio”: la madre di Settimo confessa

“E’ solo gonfiore di pancia”: Anche il padre della donna era all’oscuro della presunta gravidanza: “Con mia figlia ci parliamo poco”. Secondo alcune testimonianze ieri mattina la donna si era affacciata al balcone di via Turati, richiamata dal trambusto di telecamere e fotografi. Poi, qualche minuto dopo, era uscita di casa, senza tradire alcuna emozione.Per ora i carabinieri sono convinti che la donna abbia fatto tutto da sola. La visita ginecologica a cui è stata sottoposta “ha confermato il parto appena avvenuto”, sottolineano gli inquirenti che stamattina hanno svolto un nuovo sopralluogo a casa della donna.

“Ma un po’ schifo non ti fai?”. E ancora, “dovresti vergognarti”, “devi crepare”, “devi bruciare all’inferno”. Sono
alcuni degli insulti che molti utenti di Facebook stanno continuando a scrivere sulla bacheca di Valentina Ventura, la donna di 34 anni accusata di aver partorito e gettato dal balcone di casa il suo neonato, poi morto in ospedale. Dalle 8.30 circa, sul profilo social della donna e in particolare sotto il suo ultimo post “Grazie a tutti per gli auguri”, che risale a quasi tre mesi fa, il 7 marzo, gli internauti si sono scatenati, scrivendo decine di commenti dai toni molto pesanti.

repubblica