Caso Fortuna, clamorosa svolta. Titò confessa al processo: «Ecco cosa accadeva nel Parco Verde»

Caso Fortuna, clamorosa svolta. Titò confessa al processo: «Ecco cosa accadeva nel Parco Verde»

INTERNAPOLI. Continua il processo che vede come imputato Raimondo Caputo, accusato di omicidio di primo grado e violenza sessuale su Fortuna Loffredo, la bambina spinta giù da un edificio e precipitata nel vuoto il 27 aprile del 2013.

La vicenda della piccola Chicca sconvolse l’opinione pubblica che ancora oggi inorridisce davanti ad una storia di abusi e violenze ai danni di diversi bambini che sembra non trovare fine.

La risoluzione del caso si scontra, infatti, tutt’ora con l’omertà delle persone del Parco Verde di Caivano e con un dramma che ogni giorno trova nuove pagine a cui attingere. Recenti le dichiarazioni choc rese in modo spontaneo da Caputo durante il corso dell’udienza tecnica, che torna a fare luce su quanto accaduto coinvolgendo i condomini nella vicenda:
«In quell’isolato, al primo piano, c’era la stanza dei bambini.