Sottraeva soldi destinati alle vedove della polizia. Agente arrestata dai colleghi: ora dovrà restituire 125mila euro

Dalla documentazione e fascicolo emerse che l’assistente capo della Polizia M.E.R. tratteneva per se una parte dei contributi assegnati dal Ministero dell’Interno.

Da qui il risarcimento dei danni che ad oggi ammonta a 125.696,00 euro nei confronti del Ministero dell’Interno, oltre a rivalutazione monetaria, interessi e spese del giudizio. Inoltre la lesione all’immagine della Polizia, recata dalla donna, si ritiene gravissima dato che il crimine è stato eseguito da una dipendente che, al contrario, ha il compito di garantire la legalità e arginare i fenomeni di criminalità.

QuiCosenza