“Cento ferite su tutto il corpo”, così ha massacrato di botte un bambino

Jeremiah non respirava e nonostante il trattamento d’emergenza ricevuto dai medici è spirato poche ore dopo. Il personale ospedaliero tuttavia ha subito nutrito sospetti sulle cause della sua morte, essendo evidenti i lividi sul suo corpo, e ha chiamato la polizia. Gli esami post-mortem hanno successivamente dimostrato che Jeremiah è morto di peritonite, causata da un trauma forzato all’addome. Un colpo violento compatibile con le percosse.

S.L. – FONTE: DIRETTANEWS