Tatuaggi e Concorsi in Polizia e Carabinieri: gli agenti possono avere tatuaggi?

I tatuaggi con riferimenti sessuali sono, invece, quelli che, oltre ad avere contenuti lussuriosi, libidinosi o amorali, tendono a discriminare gli individui sulla base delle tendenze sessuali. Come già detto, non sono accettati i tatuaggi razzisti o di discriminazione religiosa, ovvero quelli che tendono ad esaltare una razza o una religione o esprimono discredito o intolleranza verso persone in base alla razza, all’etnia, all’origine nazionale, al sesso o alla religione professata.

In ultimo, secondo la normativa sui tattoo militari, non sono accettati i tatuaggi che possono portare discredito alle Istituzioni dello Stato ed alle Forze Armate e alle Forze di Polizia, ovvero quelli in opposizione alla Costituzione o alle leggi dello Stato italiano, quelli che fanno riferimento all’appartenenza a gruppi politici, ad associazioni criminali o a delinquere, incitano alla violenza e all’odio o fanno riferimento alla negazione dei diritti individuali o, ancora, sono in opposizione ai principi cui si ispira la Repubblica Italiana.

CONTINUA A LEGGERE