Disabile, non può parlare: i compagni di classe gli prestano la voce all’orale della Maturità

La preside dell’istituto ha spiegato: «Dal prossimo anno accoglieremo una trentina di nuovi alunni disabili, vogliamo che Amrik sia un precedente perché l’inclusione non può e non deve essere solo di facciata». Una delle professoresse dei tre studenti, ha commentato così la notizia su Facebook: «La vita anche nel dolore può essere un’esperienza meravigliosa se incroci persone per bene».

leggo