Thailandia, mandato d’arresto contro l’inafferrabile rampollo della Red Bull

L’avvocato di Vorayuth ha motivato la mancata risposta alla convocazione di ieri con gli impegni di lavoro del suo cliente, che altre volte aveva addotto scuse simili dicendosi all’estero. Poche settimane fa, un’indagine dell’Associated Press aveva documentato la vita da vip in giro per il mondo di Vorayuth, apparentemente senza rimorso.

Il mandato di arresto emesso scadrà nel 2027, quando cadrà in prescrizione anche l’accusa più grave nei confronti di Vorayuth, ossia l’omicidio colposo per guida spericolata. Quella di eccesso di velocità (la polizia ha calcolato che andasse a 170 all’ora in centro, all’alba), è già caduta in prescrizione. Un’altra, omissione di soccorso, scadrà a in settembre.