Ora Fabio Fazio si lagna: “Cercano di chiudermi”

Fazio cerca di difendersi. Il contratto milionario che ha siglato con la Rai (2,8 milioni in quattro anni che fanno 11,2) non gli fa più dormire sonni tranquilli.

Tutti lo attaccano. Ieri, in sua difesa, ha ritwittato le parole di uno sconosciuto (certamente una persona che gravita nel mondo televisivo) che del suo programma Che tempo che fa dice: «Penso che qualcuno stia scientificamente perseguendo questo esito: togliere all’azienda pubblica uno dei programmi di maggior successo, pluralismo e qualità». E ancora: «Ma può un professionista come Fazio sopportare tutto questo tanto a lungo?». In effetti, la risposta, sarebbe che bastava essere un poco più morigerati, non pretendere stipendi faraonici.

Intanto la Rai va avanti. Ieri alcune nomine: dominus del pomeriggio di Raiuno, come vicedirettore, diventa l’ex titolare di Raitre Andrea Vianello. Alla sua entrata corrisponde l’uscita di Raffaella Santilli, coinvolta nella questione che portò alla chiusura del programma della Perego e trasferita, con promozione a vicedirettore al coordinamento delle sedi regionali ed estere. Passa invece a Raidue il capostruttura di Raiuno responsabile del mattino, Daniele Cerioni. Resta alla vicedirezione della rete Rosanna Pastore che sarà il riferimento per i programmi di Fabio Fazio e per la Domenica di Cristina Parodi.

Il Giornale