Valori nutrizionali insufficienti: Carabinieri Forestali sequestrano 45 tonnellate di pasta

Le ditte produttrici, per conto dei responsabili iscritti nel registro degli indagati, hanno immediatamente ritirato il prodotto presente negli scaffali dei punti vendita della GDO, destinandolo, con l’assenso della Procura, all’alimentazione del bestiame.

La condotta del produttore e del confezionatore delle etichette potrebbe integrare il reato di frode nell’esercizio del commercio. Il Nucleo investigativo ha altresì elevato sanzioni amministrative per oltre 6.000, euro per la violazione del D.vo 109/92 in relazione alle “pratiche leali d’informazione” di cui all’art. 7 del regolamento UE n. 1169/11.

FANOINFORMA