Salvagni, l’avvocato di Bossetti: “C’è stata una lesione del diritto di difesa”

Prato – Si è concluso pochi giorni fa il processo d’Appello che ha confermato a Massimo Bossetti a condanna all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio, così come in quello di primo grado stabilito un anno fa. Una sentenza che, ovviamente, non piace agli avvocati della difesa, che ricorreranno in Cassazione per vedere riconosciuta la possibilità di rifare la perizia sul Dna, perché esso – dicono – è incompleto, mancante della sua componente mitocondriale.

In questa fase dibattimentale avevano presentato 102 pagine di motivi di appello aggiuntivi con ben 261 criticità avanzate alle analisi, per tentare di dimostrare l’infondatezza della “prova regina” che inchioderebbe il muratore di Mapello. Ecco qual è la posizione della difesa nelle parole dell’avvocato Claudio Salvagni raggiunto a Prato.

Avvocato Salvagni nel processo d’Appello, Massimo Bossetti è stato riconosciuto colpevole del delitto di Yara Gambirasio e confermata la sua condanna all’ergastolo, ricorrerete in Cassazione?

Certo, ricorreremo in Cassazione anche perché la lesione del diritto di difesa ci sembra grande come una casa, quest’uomo è stato condannato sulla base di una prova scientifica, nei confronti della quale non ha mai potuto partecipare e non ha mai potuto dire nulla. Noi abbiamo potuto come difesa esaminare dei risultati e vogliamo vedere come si arriva a questi risultati anche perché riteniamo che quel risultato sia viziato da molteplici errori come abbiamo evidenziato nell’atto di Appello e in sede di dibattimento dell’Appello.


Dopo la lettura della sentenza Massimo Bossetti si definisce un uomo “profondamente deluso, sconfortato, stanco di soffrire e di far soffrire…

Purtroppo le confermo che il mio assistito è un uomo disperato, distrutto perché dice che non vede via d’uscita, semplicemente perché non può difendersi e non può dimostrare la sua innocenza perché non gli viene data la possibilità di tutelarsi e così questo processo diventa una cosa inutile.

CONTINUA A LEGGERE