Immigrato picchia una donna e i poliziotti, i giudici lo liberano

Immigrato picchia una donna e i poliziotti, i giudici lo liberano

Milano – Ormai quotidianamente balzano alla cronaca episodi di violenza orripilanti. Nel pomeriggio di sabato scorso in un noto parco di Vicenza si è verificato l’ ennesimo regolamento di conti tra due nigeriani che non hanno avuto remore ad accoltellarsi davanti a decine di passanti e bambini. Uno dei due immigrati versa in gravi condizioni all’ ospedale, ma i cittadini sono esasperati.

Il polmone verde vicentino “Campo di marzo” è ormai luogo di bivacco e delinquenza diurna al punto che i cittadini si sono da tempo organizzati nell’ associazione “Vivere Campo di marzo” per effettuare ronde e restituire un minimo di decenza alla zona dimenticata dal sindaco Variati. I due delinquenti arrestati dalla polizia sono, manco a dirlo, subito rimessi in libertà dal giudice di turno che tra l’ indignazione della cittadinanza dispone unicamente l’ obbligo di firma a carico dei due africani.

Stessa musica poche ore dopo a Piacenza in via Marinai d’ Italia, quando una signora chiama la polizia, perché una donna viene massacrata di botte e trascinata per i capelli a terra da un uomo di origine marocchina. Gli agenti identificano il picchiatore e si recano direttamente presso la sua abitazione, dove l’ uomo si presenta in stato di ubriachezza conclamata.