Uova contaminate: in Belgio senza controlli dal 2016. “Troppi segreti industriali, poche verifiche”

“Non si può pensare che le merci circolino senza controllo da uno Stato all’altro se a monte non ci sono standard comuni. Per legge le uova hanno un codice alfanumerico che indica il paese di provenienza, ma questo non sarebbe un elemento sufficiente per stare tranquilli. “I due terzi delle uova consumate in Italia sono contenute in altri prodotti quali pasta, dolci e numerose altre preparazioni – scrive Petrini – . In questo caso non esiste obbligo di tracciabilità e non è indicato il Paese di provenienza degli ingredienti”. Un punto sottolineato anche dal responsabile sicurezza alimentare di Coldiretti, Rolando Manfredini.

Petrini “occorre togliere il segreto della destinazione finale dell’import di tutti i prodotti alimentati. Assicurando, in tal modo, una tracciabilità vera di tutta la filiera, un’etichetta che racconti ogni singolo passaggio degli ingredienti”.

repubblica.it