Stupro di Rimini, i verbali dell’orrore: violenze disumane, il racconto delle due donne

Il gip scrive a pagina 6 del provvedimento che in realtà, dagli interrogatori del nigeriano di 16 anni e del marocchino di 15, emerge che la ragazza era stata trascinata in acqua «perché le sue parti intime erano piene di sabbia e ciò rendeva difficoltosa la penetrazione; infatti, dopo il lavaggio nel mare, gli aggressori hanno ripreso a violentarla più volte». Nessuna pietà, quindi, nessun timore nel vederla in stato catatonico.

Le dichiarazioni del polacco confermano esattamente il racconto della ragazza e specificano: «Sentivo la mia amica chiedere aiuto, dicendo che la stavano uccidendo, e mi rendevo conto che stavano abusando di lei a turno. Tre o quattro che si intercambiavano tra loro nell’ abusare di lei e nell’ immobilizzare lei». Mentre «ero immobilizzato a terra, tenuto da due persone con il viso sulla sabbia, venivo perquisito alla ricerca di telefono e portafogli, e colpito ripetutamente con calci in tutte le parti del corpo e pure al capo con una bottiglia di vetro». E quando il polacco ha detto di soffrire d’ asma, «manifestavo sofferenza respiratoria e vomitavo, mi hanno detto che potevo bere solo l’ acqua di mare».

Terribile anche la ricostruzione della transessuale peruviana: «Uno dei ragazzi neri mi ha preso per i capelli, trascinandomi con forza oltre via Flaminia

 

CONTINUA A LEGGERE