Licenziata per furto: aveva preso un monopattino dai rifiuti

Il provvedimento
Nel provvedimento disciplinare dell’azienda si legge: “A tutti i dipendenti è stato più volte ribadito che non è ammesso appropriarsi dei beni provenienti dalla raccolta dei rifiuti”. A nulla sono valse le giustificazioni di Lisa e il racconto della collega che ha confermato tutto. La donna ha deciso di fare ricorso.

“Facevo la spazzina – ha concluso Lisa -, ho i calli nelle mani, ma non mi sono mai lamentata e non credo che qualcuno possa dire qualcosa sul mio operato. Improvvisamente adesso sono diventata una ladra, ma non è così. Forse ho agito con leggerezza, ma non meritavo un trattamento del genere. Essere licenziata per un monopattino vecchio e rotto di cui nessuno conosce la provenienza è assurdo”.

il giornale