Carabinieri accusati di stupro, il gip: «Sesso senza il consenso delle 2 ragazze»

Il giudice, tuttavia, ha ritenuto (alla luce della sospensione dei due militari da parte dell’Arma) che non sussistessero esigenze di misura cautelare, tenuto conto anche che il «clamore internazionale della vicenda non rende plausibile l’ipotesi di un rientro in servizio dei due indagati», che sono l’appuntato scelto Marco Camuffo (44 anni) e il carabiniere scelto Pietro Costa (32).

Come detto, però, il giudice ha ritenuto comunque «gravissimi» gli indizi raccolti nei confronti dei due militari: «I due carabinieri – si legge nell’ordinanza – in contrasto con le regole note anche alla più inesperta recluta, hanno usato l’auto di servizio per accompagnare due civili. E dopo averle fatte entrare nel portone hanno avuto un approccio sessuale»; alla luce di tutto ciò, il giudice esclude l’ipotesi della «macchinazione» da parte delle studentesse.

Il Secolo XIX