“Nel treno in balìa dei nordafricani. Ho scattato delle foto ma mi hanno minacciato”

Una situazione “surreale” così la definisce lo stesso viaggiatore. «Ad un certo punto ho iniziato a fotografare – spiega – e qualcuno di loro mi ha visto e mi ha minacciato “Ti spacco la faccia”, ha detto. Il treno a Castello di Godego è rimasto fermo perf quasi un’ora, finché poi sono intervenuti i carabinieri».

Alla vista dei lampeggianti delle pattuglie dei militari dell’Arma di Castelfranco c’è stato il fuggi fuggi generale. Alcuni dei protagonisti si sono calati dai finestrini, altri sono usciti dalle porte del convoglio fermo a Godego. Pare che un paio siano stati anche identificati dai militari.

«Mi chiedo – conclude il viaggiatore – cosa sarebbe successo se in treno ci fosse stata una ragazza sola. Si parla di sicurezza ma poi non si può viaggiare tranquilli nemmeno quando si è in treno. Spero che episodi non possano mai più ripetersi».

tribuna di treviso