Sorprende i ladri in casa, spara e ne uccide uno

Due malviventi sono fuggiti: è successo a Latina, in via Palermo. A sparare è stato il figlio dei proprietari, un avvocato con regolare porto d’armi

Sorprende i ladri in casa, a Latina, spara e ne uccide uno. Gli altri due fuggono. Proprietari della palazzina di tre piani in via Palermo dove è avvenuto il furto due anziani coniugi: a sparare è stato il figlio, un avvocato di 50 anni, che ha un regolare porto d’arma per difesa personale. Sono stati esplosi otto colpi di pistola. Due hanno raggiunto la vittima.

Latina, spara ai ladri in casa

In base a una prima ricostruzione, che andrà confermata, degli agenti della questura di Latina che sono intervenuti e sulla base della testimonianza dell’uomo, ieri mentre i due anziani genitori erano fuori casa, il figlio ha ricevuto sul suo cellulare, a cui è collegato il sistema antifurto della palazzina, la segnalazione di allarme. Così l’uomo, un avvocato di 50 anni, si è recato sul posto. Ha iniziato a fare il giro del giardino, verso il balcone del primo piano dove l’allarme segnalava l’effrazione. In quel momento – come ha riferito – gli è andato incontro un uomo che “con accento napoletano” gli ha detto “che ci fai qui, stiamo a rubare”. L’uomo gli avrebbe risposto: “Fermati, sto chiamando la polizia, sono il proprietario” e nel dirlo ha estratto la pistola che aveva con sè.