Muore a soli 2 anni ed è l’ottava vittima. Ikea ritira il “prodotto killer”

”Adesso si fa la nanna”. Mette il figlio di 2 anni nel lettino in cameretta per il solito riposino pomeridiano ma, quando il papà va a controllarlo, assiste a una scena straziante. E questo è solo l’ennesimo caso. Genitori, non sottovalutate questo pericolo tremendo (e reale)

Una morte terribile che i genitori, forse, non si perdoneranno mai: Josef Dudek, 2 anni, è stato ucciso da una cassettiera Ikea, la cassettiera Malm che il colosso svedese aveva ritirato dal mercato lo scorso anno proprio per questo ‘’difetto’’. Ma i genitori del piccolo non sapevano nulla ed è successo il peggio. Era nella cameretta della sua casa in California, il papà lo aveva messo a letto per fare un pisolino poi la disgrazia. A ritrovarlo schiacciato dal peso dell’armadio è stato il padre che, quando ha visto la scena è rimasto sconvolto.

Si tratta dell’ottavo bambino che muore per colpa di un mobile Ikea, nello specifico, della cassettiera Malm. Il fattaccio è accaduto a maggio ma viene fuori solamente ora. I genitori, si può forse solo lontanamente immaginare, sono completamente distrutti per quello che è successo. Nel 2016 Ikea aveva ritirato dal mercato americano circa 27 milioni di cassettiere del modello Malm.

La decisione è arrivata proprio dopo una serie di incidenti che hanno portato alla morte di tre bambini in soli due anni. Se non vengono fissate alla parete, infatti, queste cassettiere possono ribaltarsi quando vengono aperti i cassetti. Per questo motivo i clienti in possesso di quel modello sono stati chiamati a restituire il mobile.