Como, la strage dei bambini: padre incendia la casa e uccide i 4 figli

In quell’appartamento diventato un’enorme bara di fumo, dove Faycal Haitot, 49 anni, origini marocchine, cittadinanza italiana, ex lavapiatti, ex tuttofare, disoccupato da mesi, ha deciso di chiudere quelle quattro vite e la sua, disperata. I vigili del fuoco lo hanno trovato vicino al balcone. Lui che secondo la ricostruzione della questura di Como sarebbe l’ideatore dell’omicidio-suicidio, ha avuto forse come un istinto di sopravvivenza, cercando l’aria mentre il fumo lo soffocava.

Lui che temeva che i giudici gli portassero via i bambini. Lui che li aveva accuditi dopo che un anno fa la moglie, anche lei marocchina, era stata ricoverata in una struttura psichiatrica di Como per curare una fortissima depressione, dalla quale non si era mai ripresa. Lui che viveva in quell’appartamento di 120 metri quadrati al quarto piano di una palazzina di via per San Fermo 18, arrampicata su un costone di montagna.