Pneumatici invernali, l’obbligo scatta tra pochi giorni: si rischiano multe fino a 335 euro

Ai singoli enti territoriali, a mezzo di apposite ordinanze o delibere, è concesso indicare un periodo diverso che andrà debitamente comunicato agli utenti mediante diffusione a mezzo stampa o apposita segnaletica. Una possibilità offerta per venire incontro a specifiche esigenze territoriali, ad esempio a causa della frequenza e dell’intensità delle precipitazioni o della tipologia di strade.

Si rammenta che l’obbligo di adozione degli pneumatici invernali vale per tutti i veicoli a motore (dunque sia auto che mezzi pesanti), a eccezione di ciclomotori a due ruote e dei motocicli: nonostante a questi sia consentito di circolare con pneumatici estivi tutto l’anno, la legge ne vieta la circolazione in caso di neve, ghiaccio su strada o nevicate in atto, anche se dotati di gomme invernali.

I veicoli soggetti all’obbligo, per essere in regola, dovranno munirsi di un kit di “catene” da neve adeguato agli pneumatici montati sulla propria vettura oppure (maggiormente consigliabile) montare sul veicolo gomme invernali che riportino sul fianco la marcatura M+S, “mud & snow” (o anche MS, M/S, M-S, M&S). Ancora, nonostante il Codice della Strada non imponga di montare tutte e quattro le gomme da neve, si raccomanda di farlo per avere comportamenti omogenei sugli assi e mantenere stabilità in curva e frenata.

Si rammenta che, in mancanza di questa marcatura, non sono sufficienti le mere diciture colloquiali o puramente commerciali quali “all season”, “all weather”, “invernali” e “termiche” per resistere ai controlli operati dalle forze dell’ordine. Pertanto, chiunque, dal 16 novembre 2017 (o altra data specificamente stabilita da Province e Regioni), sia trovato senza gli pneumatici adeguati montati sulla propria vettura o senza catene a bordo sulle strade dove è previsto l’obbligo, rischia una sanzione pecuniaria.