“Manca il latte materno, neonato rischia la vita”: cosa si può fare per aiutare concretamente

La banca del latte dell’ospedale è a zero e il bimbo è in grave pericolo

Questo in sistesi il grave problema che si è trovato ad affrontare una famiglia e raccontato da Ancona Today

L’appello è rivolto a tutte neomamme affinché donino il proprio latte materno.

Le terapie sarebbero già in atto nel reparto dell’ospedale Salesi, e ci sarebbero ancora delle possibilità per salvare il piccolo.

 

Una aiuto molto importante, secondo quanto scrive il quotidiano online, potrebbe arrivare dalla somministrazione di latte materno che aiuterebbe il bimbo

Ma l’operazione non appare poi così semplice:

Tanto per cominciare il latte donato deve essere analizzato e ci vuole una settimana.

Inoltre, l’ideale sarebbe il latte di una donna che abbia appena partorito prematuramente, proprio come la madre del piccolo in questione.

Ma anche in quel caso” si legge ancora “non ci sarebbe garanzia di vedere dei miglioramenti. Solo la speranza che possa aiutare, come confermato dalla letteratura medica.

 

 

In queste ore, saputo dell’appello, qualche mamma si sarebbe già fatta avanti per fare tutti i test.

La banca del latte è attiva da diversi anni, ma non avrebbe “una funzione provinciale o regionale e le donazioni non sono regolate come nel caso del plasma

Chi volesse aderire all’appello dei genitori del piccolo, deve chiamare il centralino dell’Ospedale dei bambini Salesi di Ancona per parlare con il Centro di Neotalalogia, prendere appuntamento per poi donare il proprio latte.