Attentato contro la Polizia, Italia Celere: “Vorremmo sapere quando la politica inizierà a pensare alla sicurezza degli italiani”

Attentato contro la Polizia, Italia Celere: “Vorremmo sapere quando la politica inizierà a pensare alla sicurezza degli italiani”

Dopo l’ordigno alla caserma dei Carabinieri centrale quartiere San Giovanni, tocca dunque alla Polizia.

E’ accaduto tutto in pochi attimi, attorno alle 21.30 di ieri sera al commissariato di via Ruffini nel quartiere Prati è stata lanciata una molotov,

la nota bottiglia incendiaria, contro un furgone con i colori d’istituto della Polizia di Stato

LEGGI ANCHE Prima i Carabinieri, ora la Polizia: attentato contro le forze dell’ordine, a fuoco il furgone degli agenti

Adesso sull’episodio interviene anche Italia Celere, sindacato di Polizia, con il suo segretario Andrea Cecchini:

Bomba molotov contro Commissariato Prati poco fa a Roma. Qualche giorno fa bomba contro Caserma Carabinieri.

L’ho dichiarato ieri senza peli sulla lingua…SIAMO IN DEFAULT SICUREZZA. LA SITUAZIONE È GRAVE. STANNO TORNANDO ANNI BUI CHE PORTANO A SCENARI PERICOLOSI PER LA STABILITÀ SOCIALE.

Voglio proprio sapere quando il Governo, i politici e le Istituzioni, anziché pensare al prossimo voto elettorale, cominceranno ad occuparsi della SICUREZZA DEGLI ITALIANI. Ed Ora, in specie, DELLA TUTELA DELLE FORZE DELL’ORDINE.