Tenta la rapina agli uffici postali “Sono disperato non trovo lavoro”

Tenta la rapina agli uffici postali “Sono disperato non trovo lavoro”

Non sa più come arrivare a fine mese e così decide per la rapina

Aveva debiti con la banca l’uomo che si è dato al crimine e attaccato una sede della Posta. Siamo aSan Biagio, nella zona di Treviso,

dove un uomo un bel giorno ha deciso di infilarsi un passamontagna in testa, impugnare una pistola (poi risultata finta) e tentare la rapina alla sede locale della posta

Rapina fallita miseramente. Evidentemente, quello del rapinatore non era il mestiere adatto.

L’uomo, identificato, è risultato essere un 52enne senza lavoro residente a Ponte di Piave. Lo scorso 28 dicembre, in tarda mattinata avrebbe tentato l’assalto all’ufficio postale di Fagaré della Battaglia.

Il 52enne era fuggito a mani vuote in sella a una bicicletta ritrovata poco dopo il colpo dai carabinieri di San Biagio che, grazie all’analisi delle telecamere di un’azienda privata che aveva inquadrato l’auto sulla quale era poi salito

sono riusciti a individuare l’improvvisato malvivente, uno che mai nella vita aveva sgarrato con la giustizia.

Il 52enne, incensurato, è stato raggiunto a casa sabato mattina dai militari dell’Arma, delegati dalla Procura a procedere con la perquisizione:

“Avevo bisogno di soldi e non riuscivo a trovare lavoro” ha confessato all’istante, consegnando seduta stante arma giocattolo, passamontagna e indumenti usati durante la rapina.

Nei suoi confronti è scattata una denuncia in stato di libertà per tentata rapina.