Gli agenti della Polizia Locale piangono Apache, fedele compagno di pattuglia all’Antidroga

I poliziotti piangono Apache, fedele compagno di pattuglia all’Antidroga

Era un poliziotto vero, un compagno di squadra, si chiamava Apache ed è venuto a mancare nelle scorse ore.

Apache era un bellissimo pastore tedesco in servizio presso la Polizia Locale di Brescia.

Sarebbe andato in ‘pensione’ a breve, all’età di 12 anni, dopo una brillante carriera.

Apache, ci racconta il Giornale di Brescia, era stato accolto al Comando della Polizia Locale nel 2008, a due anni, e aveva all’attivo oltre 600 interventi operativi, prevalentemente nella ricerca di sostanze stupefacenti.

L’agente a 4 zampe ha partecipato a numerose operazioni della Locale, alcune anche fuori da Brescia e dalla Lombardia.

Era amato anche dai bimbi che quotidianamente visitano la Centrale in occasione di uscite e gite.

 

 

Nel suo curriculum, nel 2016, nel corso di un pattugliamento nella zona della stazione, si era distinto a tal punto da guadagnarsi una menzione speciale in un articolo del Giornale di Brescia

– racconta lo stesso quotidiano –

L’ultima missione il giorno prima di morire, sabato 13 gennaio: era stato impegnato in un’operazione antidroga al parco di via Caleppe.

Attualmente l’unità cinofila della Polizia Locale può contare su altri quattro cani poliziotto.