Tim e Vodafone, niente più bollette a 28 giorni ma arriva il trucco: pronti gli aumenti

Gli operatori telefonici si adeguano alla tariffazione mensile ma con il trucco: introdotto l’aumento dell’8,6% sulle offerte

Gli operatori telefonici si adeguano alla tariffazione mensile ma con il trucco: ovvero, visto che la tredecesima non è permessa, gli operatori telefonici aggireranno l’ostacolo con un aumento

L’aumento, secondo huffpost e tirreno sarà dell’8,6% del canone mensile per Tim e Vodafone (fisso e mobile),

mentre Wind Tre ha fatto sapere che adotterà la nuova fatturazione ma “ulteriori variazioni delle offerte sottoscritte dai clienti saranno comunicate con un’informativa entro i tempi stabiliti dalla legge”

 

 

Come paventato già prima che venisse approvata la legge, la “sorpresa” è servita: introduzione della tariffazione mensile ai sensi della legge 172/17 ma con un aumento della tariffa dell’8,6%

La strategia degli operatori di telecomunicazioni – riporta IlTirreno – è presto svelata.

Inizia Tim, con una comunicazione ai clienti busisness di telefonia mobile resa pubblica dal Codacons, in cui si annunciava “una valorizzazione su base mensile” che

“non comporterà alcuna variazione della sua spesa complessiva annuale” ma “si sostanzierà nella riduzione a 12 di canoni e contributi addebbitati in un anno”.

 

 

Si torna semplicemente alla vecchia fatturazione? No, perché “per effetto della divisione della spesa annuale per 12 anziché per 13 l’importo di ciascun canone risulterà maggiorato dell’8,6%”.

Negli ultimi giorni è arrivato a tutti i clienti mobili il messaggio di Vodafone che usa parole sorprendentemente simili: “La tua spesa complessiva annuale non cambia.

Il numero dei rinnovi mensili della tua offerta si riduce da 13 a 12 e di conseguenza l’importo di ciascun rinnovo aumenterà dell’8,6%”.”