Ferrara, Erik ha un malore sotto la doccia e muore a soli 9 anni sotto gli occhi del papà

“È successo tutti davanti a me”. Con queste parole Stefano Capponcelli ha ricordato la tragedia che ha colpito la sua famiglia la scorsa settimana. Suo figlio Erik, di soli 9 anni, si è sentito male mentre si trovava a sotto la doccia, perdendo i sensi, davanti agli occhi increduli del padre che lo aspettava fuori per sistemargli l’accappatoio.

Poi, dopo quattro giorni di agonia all’ospedale Sant’Anna di Ferrara, dove la sua famiglia si era da poco trasferita, è morto in seguito ad un arresto cardiaco, per cause ancora in via di accertamento, nonostante i tentativi dei medici di salvargli la vita. Saranno i risultati dell’autopsia a fare chiarezza sul decesso del bambino che per il momento resta avvolto nel mistero.

“Non ha mai avuto problemi in passato, – ricorda un amico di famiglia – era sano con una voglia di vivere immensa”. Il mese scorso Erik aveva avuto un po’ di febbre come tanti suoi coetanei, ma niente di più.

Gli era rimasta la tosse e qualche problema di respirazione, ma nulla però che potesse far temere qualcosa di grave. Martedì scorso, invece, il crollo improvviso fino alla misteriosa morte di sabato. Sotto choc è tutta la città di Masi San Giacomo, frazione di Masi Torello, dove il padre di Erik è responsabile dell’ufficio servizi della Coopservice, mentre la mamma Maria lavora nella portineria del Sant’Anna.

Uno psicologo è stato vicino ai compagni di scuola del bambino per supportali dopo avergli dato la triste notizia. Dopo il funerale, Erik sarà sepolto, come riporta “La Nuova Ferrara”, con l’abito della Prima Comunione, quella che avrebbe dovuto celebrare insieme alla sorella tra qualche settimana