Sparò a un folle in fuga, adesso il Carabiniere rischia grosso

“Un proiettile ha mirato alle gomme della sua auto, mentre l’altro lo ha ferito tra la spalla e il collo. I fascicoli penali sono stati aperti dal sostituto procuratore monzese, il magistrato che era di turno quando si è verificato il fatto che ha gettato il panico tra i passanti della centralissima strada di Macherio”

Questo scriveva Il Giorno . Adesso la novità: pessima per il Carabiniere

Costerà una accusa per tentato omicidio ed il rinvio al giudizio la sparatoria verificatasi a Macherio lo scorso aprile

quando un carabiniere sparò ad un fuggitivo, colpendolo al collo.

La Procura di Monza infatti – scrive il giorno – ha chiesto il rinvio a giudizio dell’appuntato dell’Arma di 33 anni in servizio alla stazione di Biassono, che dovrà presentarsi il 12 aprile all’udienza preliminare al Tribunale di Monza.

Immagine correlata

LEGGI ANCHE: Monza, ferito il carabiniere che ha cercato di fermare il fuggitivo

La sparatoria è avvenuta la mattina dell’1 settembre scorso in via Roma a Macherio dove E.B., 47 anni, di Tregasio,

frazione di Triuggio, è scappato sul suo suv per sfuggire ai militari che dovevano sottoporlo ad un accertamento sanitario obbligatorio ed è stato raggiunto da due colpi di pistola di ordinanza.

Risultati immagini per macherio sparatoria

Un proiettile ha mirato alle gomme della sua auto, mentre l’altro ha bucato il vetro posteriore della vettura del fuggitivo e lo ha ferito tra la spalla e il collo sul sedile del posto di guida.

LEGGI ANCHE: Macherio, sparò per fermare il folle: carabiniere indagato

Ancora aperte invece le indagini parallele che vedono E.B. indagato di resistenza a pubblico ufficiale per essere sfuggito ai carabinieri.