In Rai il lavoro diventa ereditario: “Se muore un dipendente, assumere il coniuge o il figlio”

Novità nei contratti per i dipendenti Rai “il lavoro sarà ereditario”

Quando un dipendente Rai muore, viale Mazzini si impegna “in situazioni particolari adeguatamente certificate” ad assumere il coniuge o il figlio maggiorenne della persona deceduta.

E’ una delle condizioni previste dal nuovo contratto per operai, impiegati e quadri della tv di Stato e ne parla nel dettaglio il quotidiano Today che riporta quanto segue

Il contratto, firmato dai sindacati lo scorso 28 febbraio e approvato dai dipendenti Rai con un referendum pochi giorni fa (ha votato sì il 58 per cento su un totale di 7500 dipendenti,

circa il 72% degli aventi diritto), come rivela Aldo Fontanarosa su Repubblica.

Il posto di lavoro diventa così ereditario, anche se l’assunzione, chiarisce Fontanarosa, avverrà “compatibilimente con le esigenze aziendali e in armonia con il Piano triennale per la Prevenzione della Corruzione”.

Il nuovo contratto approvato dai dipendenti Rai pone fine a uno stallo durato ormai quasi cinque anni.

“Considerata la rottura della trattativa e la proclamazione di sciopero che ho trovato al mio arrivo lo scorso giugno – aveva dichiarato Mario Orfeo,

Direttore generale Rai – quello raggiunto dopo pochi mesi è un risultato importante, che porta flessibilità nei modelli produttivi,

 

 

introduce una significativa modifica dei profili professionali e disciplina quelli nuovi legati alle attività digital, aumenta il sistema delle tutele e del welfare e ha un’impronta solidaristica.

Il tutto realizzato nel rispetto delle compatibilità economiche consentite dall’attuale difficile congiuntura”.