Autovelox, multe annullate in caso di mancata taratura

Se tutti i componenti dell’autovelox non sono tarati in maniera corretta, la multa per eccesso di velocità è da considerarsi illegittima. La novità arriva dalla sentenza numero 116/2018 del Giudice di Pace di Lodi, che ha accolto la richiesta di un’automobilista che contestava due multe per aver superato il limite di velocità.

Non avendo l’amministrazione fornito la documentazione necessaria a dimostrare la perfetta taratura dell’apparecchio, il giudice ha deciso di annullare le sanzioni.

In particolare, come riporta anche il sito di Studio Cataldi, l’unico componente dell’autovelox per cui era stata fornita la documentazione idonea era l’orologio Gps, considerata una prova inadeguata in sede legale in quanto non rilasciata dal S.I.T. accreditato. Infatti, per ritenere corretto il funzionamento dell’apparecchio, è necessario che tutti gli elementi che lo compongono siano soggetti a taratura, documentata da un centro accreditato.

La taratura deve riguardare tutti i componenti dell’autovelox. Se è parziale e interessa solo alcuni elementi la multa per eccesso di velocità deve ritenersi illegittima. In assenza di prove idonee, il giudice non ha potuto fare altro che annullare i verbali, per la felicità dell’automobilista.