Terrorismo, metro di Roma nel mirino: “progettarono attentato alla fermata Laurentina”

La cellula terroristica di cui faceva parte Anis Amri, l’attentatore tunisino di Berlino ucciso dalla polizia il 23 dicembre 2016 a Sesto San Giovanni (Milano), progettava un attacco alla metropolitana di Roma.

È quanto riporta La Repubblica sulla base di alcune indicazioni degli inquirenti e ripreso dal quotidiano LEGGO nell’edizione odierna, che sull’accaduto scrive quanto segue:

La rete, smantellata dalla polizia, era composta soprattutto da connazionali di Amri, che vivevano nella provincia di Latina.

Nel 2015 i terroristi stavano progettando un attentato alla stazione Laurentina, capolinea della Metro B della Capitale, ma non riuscirono mai a passare all’azione.

La cellula era ben organizzata, su due livelli: da un lato c’erano gli estremisti pronti a mettere a punto gli attacchi, dall’altro c’erano degli efficienti procacciatori di documenti falsi.

La cellula terroristica di cui faceva parte anche Amri, che si muoveva tra Roma e Latina, è stata individuata e smantellata in seguito ad alcune intercettazioni.

Risultati immagini per anis amri

Nelle conversazioni, i terroristi arrestati parlavano di voler compiere violenze inaudite sugli “infedeli”, tutti gli occidentali non musulmani”