Il prete si rifiuta di lavare i piedi ai migranti durante la messa. Sui social: “E’ una vergogna”

Manduria: “Il prete si rifiuta di lavare i piedi ai migranti”.  È polemica

E’ polemica social dopo la notizia riportata dal Nuovo Quotidiano di Puglia e ripresa poib da diverse testate online,

sull’annullamento della lavanda dei piedi da parte di un sacerdote, perché tra i fedeli partecipanti al rito ci sarebbero stati degli immigrati

“Vergognosamente stasera il razzismo è salito sull’altare”.

È stata questa frase, apparsa sul profilo Facebook di un residente a Manduria in Puglia nella tarda sera di giovedì 29 marzo, ad accendere le polemiche di chi era a conoscenza dei fatti e a dare via alle domande di chi voleva sapere.

Lo riporta il quotidiano Leggo

“Ci sarebbe tanto da dire ma mi limito a condividere il tuo sfogo, invito però molti a farsi un esame di coscienza” scrive un’altra signora in risposta;

“Per fortuna nella Chiesa ci sono persone che combattono il razzismo, compreso il Santo Padre.

Chi non segue i valori della solidarietà andrebbe, quanto meno, richiamato dalle autorità cattoliche” fa eco un altro utente

 

Molto imbarazzo anche da parte di don Dario De Stefano, amministratore parrocchiale della chiesa dove si sono svolti i fatti ma -pare- estraneo perché assente.

Contattato telefonicamente e virtualmente dal quotidiano, il religioso ha preferito non dare risposte concentrandosi nell’organizzazione della sua parrocchia San Giovanni Don Bosco alla imminente processione dei Sacri Misteri.