Giovane pakistana si innamora di un italiano, viene sgozzata da padre e fratello

È la tragica storia di Sana Cheema, 25 enne, del Pakistan ma cresciuta a Brescia, assassinata negli scorsi giorni a Gujrat, la città dove era nata. Lo racconta La Stampa

È la tragica storia di Sana Cheema, 25 enne pakistana ma cresciuta a Brescia, assassinata negli scorsi giorni a Gujrat, la città dove era nata. Responsabili del delitto sono il padre e il fratello, subito arrestati dalle autorità giudiziarie e ora in carcere.

Gli stessi uomini sino a poco tempo fa vivevano nella città lombarda, successivamente si erano spostati in Germania in cerca di un futuro migliore.

Sana no, dopo aver completato gli studi a Brescia, aveva trovato lavoro in un’attività commerciale nella zona popolare di via Milano. Una bella ragazza, solare e con un fidanzato italiano.

Sarebbe stata proprio questa la causa dell’omicidio, la trasgressione di una regola ferrea della cultura pakistana, dove il promesso sposo viene scelto dai parenti.

L’esecuzione di Sana Cheema ricorda quella di Hina Saleem, la ventenne pakistana barbaramente assassinata nell’agosto 2006 a Sarezzo, sempre nel Bresciano.

Hina come Sana aveva un fidanzato italiano e vestiva troppo all’occidentale. Per quell’efferato delitto furono condannati il padre, lo zio e due cugini, accusati di aver sgozzato la giovane e seppellita in giardino con la testa rivolta verso la Mecca. Per i “delitti d’onore” sono oltre mille le donne che all’anno muoiono in Pakistan.