Seduce e truffa donne sul web, fermato: almeno 17 denunce a suo carico

Avete quest’uomo tra i contatti? Donne, fate molta attenzione

Approfittava della sua bella presenza e della sua simpatia per abbordare donne sul web e realizzare truffe e furti ai loro danni, ma in seguito a diverse denunce a suo carico è stato fermato dalla polizia e ora andrà a processo. La vicenda è raccontata dal quotidiano Leggo

Albert Cavallé, un 36enne di Barcellona, è stato arrestato domenica scorsa per non essersi presentato a un’udienza fissata in seguito alla denuncia di alcune delle sue vittime, quasi tutte donne di mezza età che erano state raggirate dopo averlo conosciuto tramite app come Tinder e Badoo.

L’uomo, dopo aver conquistato la fiducia delle donne che contattava sul web, le seduceva ma non esitava a farsi consegnare soldi, gioielli e carte di credito, per poi sparire.

Le denunce a suo carico, come riporta 20minutos.es, sono in tutto 17, ma le sue vittime potrebbero essere di più.

Sui social Cavallé utilizzava spesso false identità, sia per quanto riguarda le generalità, sia per quanto riguarda la professione.

Risultati immagini per Albert Cavallé

Alle donne che circuiva per mettere in piedi le proprie truffe, l’uomo diceva di essere un professionista di successo in vari campi, facendosi passare di volta in volta per agente immobiliare, avvocato o manager d’azienda.

Cavallé era stato arrestato per la prima volta dai Mossos d’Esquadra, la polizia catalana, il 26 marzo scorso, in seguito alle prime denunce.

Denunciato a piede libero, avrebbe dovuto presentarsi in tribunale per la prima udienza, ma di lui si erano perse le tracce. Come riporta sempre 20 Minutos, domenica scorsa l’uomo era stato fermato nel quartiere di Eixample in seguito ad una ‘soffiata’ anonima.

Risultati immagini per Albert Cavallé

Comparso per la prima volta di fronte ai giudici del Tribunale superiore di giustizia della Catalogna (TSJC), Cavallé si è avvalso della facoltà di non rispondere ed è stato poi rilasciato in regime di libertà provvisoria. Ora dovrà comparire ogni settimana in tribunale per le prime udienze a suo carico.