Pubblicano una foto di ciò che stanno mangiando sui social, dopo scatta il blitz immediato

A incastrarli una foto pubblicata sui social network, in cui alcuni avventori mostravano di mangiare con gusto un piatto di tonnarelli ai datteri di mare, specie protetta di cui è vietata la pesca. Così gli uomini della Capitaneria di porto di Civitavecchia hanno effettuato un sopralluogo in un noto ristorante in zona Pirgo, sequestrando un sacchetto pieno dei molluschi (diversi chili), ben nascosto dentro una delle celle frigorifere. Il titolare del locale, riporta Fanpage, è stato denunciato per detenzione e somministrazione di specie ittiche protette, un reato penale.

“La cattura, la commercializzazione, il consumo e la detenzione del dattero di mare, vietata in Italia sin dal 1988 e nei Paesi della Comunità Europea dal 2006, costituisce una delle ipotesi delittuose più gravi della pesca marittima proprio perché, per prelevare tali molluschi, si creano danni irreparabili ad ingenti tratti di costa rocciosa con gravi ripercussioni per le biodiversità dell’habitat marino e costiero”, ricorda la Guardia Costiera in un comunicato. Per chi pesca i datteri di mare , arrecando così gravi danni all’ecosistema marino, la pena e dai due anni ai due mesi di carcere, o una multa tra i 2000 e i 12000 euro.