“Fai il furbo perché hai la divisa, ti stacco quella testa di c…. ti faccio passare l’inferno”: parole choc durante il controllo

Ventimiglia – Una serie di improperi da far rabbrividire chiunque, quelli lanciati da un tunisino 31enne ad un operatore delle forze dell’ordine, reo di aver chiesto i documenti durante un normale servizio di contrasto all’immigrazione clandestina, uno dei tanti predisposti negli ultimi mesi nel territorio di Ventimiglia

“Fai il furbo solo perché hai la divisa ma perché non te la togli e vieni con me dietro l’angolo, ti faccio passare cinque minuti di inferno, te la stacco quella testa di cazzo. Sei il solito poliziotto che fa il fenomeno nascosto dietro ad una divisa, ma ti si legge negli occhi che sei uno sbruffone di merda, il solito coglione con la divisa”

Sono state queste le minacce dirette ad un poliziotto del Reparto Prevenzione Crimine della Liguria. L’episodio è riportato dal quotidiano locale online “Riviera24”

Il tunisino, già noto alle forze dell’ordine ma regolare sul territorio italiano, faceva parte di un gruppo di stranieri sottoposti a controllo.

“L’atteggiamento riottoso e sprezzante avuto dal soggetto in questione” – scrive Riviera24 “iniziava, senza motivo alcuno, fin dal momento in cui gli operatori gli chiedevano di esibire un documento di riconoscimento e perdurava fino al locale Commissariato ove, a seguito di numerosi insulti e minacce, gli agenti lo accompagnavano per gli accertamenti di rito” – prosegue  –

“Giunto presso gli Uffici di Polizia lo straniero continuava a mostrarsi violento sgomitando e scalciando, opponendosi e facendo di tutto per impedire, o quantomeno rendere più difficoltoso, l’operato degli agenti. L’uomo, per la sua condotta, veniva quindi deferito alla competente Autorità Giudiziaria per i reati di resistenza e minacce e oltraggio a pubblico ufficiale.”