Li accusa di aver rovinato la festa: prende a testate i Carabinieri, poi li morsica

Alla fine è stata arrestata con l’accusa di lesioni personali aggravate e oltraggio la barista di Soresina che la scorsa notte in visibile stato di alterazione psicofisica si è resa protagonista di spiacevoli episodi di violenza durante una festa

Sono stati i residenti a chiedere l’intervento dei Carabinieri, residenti esasperati dal baccano prodotto da un gruppo di giovani che stava festeggiando un compleanno ascoltando musica ad alto volume e disturbando la quiete pubblica con rumori e schiamazzi.

Una volta giunti sul luogo, I Carabinieri9 avrebbero chiesto i documenti ai presenti, provando ad identificarli, quando la donna arrestata, una 35enne di origine marocchina, avrebbe rifiutato di collaborare, opponendosi con violenza ai Carabinieri

 

 

Racconta Cremona Oggi che la ragazza, per protesta si sarebbe sdraiata al centro della carreggiata, impedendo il transito delle autovetture.

Nel tentativo di allontanarla i due militari sono stati aggrediti con testate al volto e morsi (la donna in altre occasioni che avevano richiesto l’intervento delle forze dell’ordine aveva riferito di essere esperta di taekowondo), e hanno riportato lievi lesioni.

Successivamente sono riusciti a bloccarla e a metterle le manette intorno ai polsi. La 35enne è stata quindi trattenuta presso le camere di sicurezza della Caserma “S. Lucia” in attesa di essere processata per direttissima.