“Sono scafisti per necessità”. Clamoroso: assolti e scarcerati in 14

I giudici di Palermo accolgono la tesi difensiva: “Costretti a salire sui gommoni”. Ira di Salvini: “Anche la “giustizia” deve fare la sua parte”

Scafisti per necessità, racconta Nico de Giuseppe sul Giornale. Assolti e scarcerati dal tribunale di Palermo 14 migranti accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Il presidente della sezione penale del Tribunale Fabrizio La Cascia ha accolto le tesi difensive dei legali degli imputati, secondo cui i 14 migranti si sarebbero messi alla guida di alcuni gommoni per scappare dalle torture in Libia.

I fatti risalgono al maggio del 2016, quando in un giorno arrivarono otto gommoni con a bordo decine di migranti. Erano stati i profughi a riconoscere gli imputati ma per i giudici gli scafisti avrebbero agito per necessità.

Oggi la sentenza. La scarcerazione degli imputati avverrà nelle prossime ore.

Come scrive LiveSicilia, la tesi dei legali ha convinto i giudici: “Gli imputati si sarebbero messi alla guida delle imbarcazioni per scappare dall’inferno dei lager dov’erano rinchiusi in Libia.