Pisa, picchiava violentemente un’anziana di 92 anni: arrestata badante marocchina di 20 anni

Purtroppo questa è una storia che lascia indignati. Si tratta infatti dell’ ennesimo caso di maltrattamenti ai danni di anziani indifesi. Un fenomeno che fa il paio con quello dei bambini picchiati e vessati negli asili. Orribili e odiose storie di abusi e violenze perpetrate su chi proprio non può difendersi.

È successo a Pisa, e a rendersi protagonista di questa raccapricciante vicenda è stata una giovane marocchina di circa 20 anni, Hasna Lembarki, che viveva in Italia con regolare permesso di soggiorno e aveva trovato lavoro come badante al fianco di un’anziana ultra 90enne. Evidentemente, però, il lavoro di badante proprio non andava a genio a Hasna, che inspiegabilmente ha iniziato a vessare l’anziana di botte e violenze, senza che quest’ultima, debole e fragile, potesse difendersi.

I soprusi sono stati perfino registrati dalle telecamere installate dai carabinieri durante le indagini, che hanno così raccolto materiale sufficiente per poter cogliere in flagrante la violenta giovinastra. Hasna infatti è stata arrestata e condotta in prigione, dove attualmente si trova, a Solliciano. A far scattare l’allarme e le successive indagini, sono stati i vicini di casa, che hanno denunciato i loro sospetti alle autorità, a causa delle grida strazianti che provenivano dall’appartamento della povera anziana.

La comunità marocchina ha mostrato di essere su tutte le furie per questo episodio che ha rischiato di gettare discredito (oltre che benzina sul fuoco) nei confronti dei tantissimi immigrati per bene che devono lottare ogni giorno con pregiudizi ed episodi di razzismo. I commenti, infatti, non lasciano dubbi e la condanna morale per Hasna, è forte e univoca. Per fortuna l’anziana signora è stata messa al sicuro, e speriamo con tutto il cuore che sia riuscita a ritrovare la serenità e l’affetto necessario soprattutto dopo tanta, nauseante crudeltà.