Milano, con lo scooter investe 61enne: la figlia dei magistrati Boccassini e Nobili indagata per omicidio stradale

La Procura ha indagato per il reato di omicidio stradale la conducente dello scooter Alice Nobili, 35 anni e figlia di due tra i più noti magistrati italiani: Ilda Bocassini e l’ex procuratore Alberto Nobili. La prefettura ha in via amministrativa già ritirato la patente per 5 anni.

L’incidente risale allo scorso Ottobre ma la notizia è uscita solo in queste ore. La vittima è il noto infettivologo noto per la sua esperienza in fatto di AIDS, Luca Voltolin, 61 anni, che quando è stato investito era intento ad attraversare sulle strisce pedonali in viale Montenero.

L’uomo è stato investito da uno scooter. Inizialmente trasportato in ospedale in codice giallo, poi ricoverato e morto qualche giorno dopo in seguito a complicazioni dovute alla caduta, pare, un colpo alla testa. La donna ora è accusata di omicidio stradale.

Sul posto, dopo l’incidente, era intervenuto direttamente il capo della polizia locale Marco Ciacci. E proprio su questa circostanza, spiega Milano Today, è scoppiata una polemica su Facebook alimentata dalla pagina “Comitato verità e giustizia per Antonio Barbato” che da mesi riporta i comunicati dell’ex comandante della polizia locale ed ex capo del sindacato dei vigili Usb. Barbato è stato sostituito, per volontà del sindaco Sala, proprio da Ciacci – proveniente dalla Polizia di Stato – al vertice del comando della polizia locale, dopo che era rimasto coinvolto in un’indagine di Ilda Boccassini.