Arresto a Torino, il Capo della Polizia si complimenta con gli agenti criticati nel video

“E’ un essere umano, siete in cinque contro uno”, protestano i passanti di fronte alla scena di tre poliziotti e due militari che tengono a terra per ammanettarlo un nigeriano di 26 anni, senza fissa dimora, con ordine di espulsione, alla stazione Porta Nuova di Torino. Il capannello degli spettatori è con gli smartphone a riprendere la scena nel suo finale, quando uno dei tre agenti sbotta alle lamentele dei presenti: “E’ un essere umano? Ma lei ha assistito prima di parlare? A noi chi ci pensa? Invece di difenderli sempre”. Le immagini, diffuse su Facebook dal Centro Sociale Gabrio di Torino, fanno rimbalzare in Rete la polemica. Da una parte il lavoro delle forze dell’ordine, dall’altro chi ritiene di aver assistito a una prova di forza eccessiva. E si scaldano gli animi anche sul fronte politico.

Nel frattempo, come riporta il quotidiano locale CronacaQui, il questore di Torino Francesco Messina si è complimentato, anche a nome del capo della polizia, prefetto Franco Gabrielli con gli agenti.

L’episodio è stato commentato anche dal Siap di Torino “si tratta di un fermo come tanti, a ogni ora e ogni giorno, che la propaganda anti Stato voleva trasformare in una manifestazione di regime – dice il segretario Pietro di Lorenzo – Le immagini sono chiare, operatori della questura e della polfer, insieme all’esercito, agiscono in numero per evitare la violenta resistenza fisica del soggetto”.