Azienda di trasporto genovese intitola una struttura al carabiniere Giuseppe Avezzano Comes

«Mi vennero alla mente 140 anni di storia dell’Arma, e decisi di non obbedire all’ordine perché lo ritenevo illegittimo», spiega in seguito Avezzano Comes. Alla cerimonia ha partecipato anche Ardenia Cerofolini, moglie del sindaco-tranviere Fulvio, da cui prende il nome la sezione Anpi dell’azienda.

«La sezione Anpi Amt, da sempre impegnata nella conservazione della memoria della Resistenza degli autoferrotranvieri genovesi, ha presentato la richiesta al Comune di Genova e all’azienda affinché il suo gesto di straordinario coraggio possa rimanere scolpito ed essere ricordato da tutti – hanno fatto sapere dall’associzione – Si conferma così l’impegno di Anpi Amt, che negli anni ha portato avanti la memoria della relazione tra Amt e la guerra di Liberazione, testimoniata dall’impegno di tanti tranvieri genovesi, in gran parte dipendenti dell’allora Uite – Unione Italiana Tramways Elettrici – che hanno combattuto per la libertà promuovendone in prima persona il valore e gli ideali.

Ecco tutti i tranvieri a cui sono state dedicate alla memoria le rimesse Amt:

– Rimessa Mangini, intitolata a Dante Mangini bigliettaio UITE

– Rimessa Gavette, intitolata a Romeo Guglielmetti operaio UITE

– Rimessa Sampierdarena, intitolata a Carlo Rolando operaio UITE

– Rimessa Cornigliano, intitolata a Gaetano Barbareschi operaio UITE

– Rimessa Staglieno, intitolata a Pietro De Vincenzi autista UITE

– Officina intitolata a Carlo Risso impiegato UITE

articolo di GENOVATODAY