“Quanti soldi buttati via” la decisione è da applausi: due bariste rinunciano ai video poker

Sono sempre di più le attività commerciali che, per motivi etici, rinunciano ai videopoker con una sostanziale perdita economica. La nuova segnalazione arriva da Belluno, dove l’ennesima – a nostro parere buona – notizia giunge dal Bar L’Insolita Storia, attivo nel pieno centro della città. La decisione è arrivata dalle due titolari, Giuliana e Romana, che hanno preso in gestione il locale

L’episodio è raccontato dai quotidiani online Today, Corriere delle Alpi e il Gazzettino: “Erano anni che stavamo pensando di disfarci delle due slot che avevamo nel locale, ma abbiamo sempre incontrato diversi ostacoli. Una volta ci era stata prospettata una penale salata da pagare, un’altra volta serviva l’autorizzazione specifica da parte dei monopoli, poi c’erano altri cavilli da superare”.

“Erano una fonte di guadagno, ma non volevamo contribuire al giro di malati del gioco che rovina tante persone” hanno detto.