Preso il capo della mafia nigeriana di Mestre

Kenneth Ighodaro, un 36 anni nigeriano ritenuto dalla Polizia italiana il capo della mafia nigeriana in Veneto, la cui banda è stata sgominata dalle forze dell’ordine italiane nell’estate 2017, è stato individuato ed arrestato in Germania. Secondo gli inquirenti, il gruppo si è reso responsabile della costruzione di una vera e propria rete di spaccio. Di questi fatti parla oggi un articolo del quotidiano La Nuova Venezia che vi invitiamo a consultare per seguire ogni aggiornamento

“Arrestato in Germania Kenneth Ighodaro, la mente dell’organizzazione di spaccio dell’eroina gialla. Intelligente e pragmatico, manteneva i contatti sia con il secondo livello, sia con il terzo dell’organizzazione. C’erano i fidati distributori di eroina gialla, che a Mestre ha ucciso 21 volte, e c’erano gli spacciatori di strada. Dalla Francia controllava tutti, prestava soldi e organizzava gli arrivi di droga.

Il gruppo di Ken ha conquistato il territorio anche con risse e aggressioni. Appartenevano alla setta Eiye, che in madrepatria è sinonimo di violenza e criminalità ed è considerata una costola della mafia nigeriana. Si muovono in gruppi di 4 e si riconoscono tramite dei baschi blu.

Gli spacciatori “mestrini” dovevano rispettare regole precise: mai vestirsi in maniera troppo elegante o appariscente per evitare di attirare l’attenzione, mai ostentare ricchezza, prenotare la droga in anticipo, in maniera da non bloccare un flusso che deve essere incessante. Notte e giorno. Gli appartenenti al gruppo, a vario titolo, devono rispondere di 11 morti da overdose”